3

Di certe lotte faremmo volentieri a meno

pezzo-pezzopane

Vi piacerebbe veder pubblicata la vostra recensione su Donna Moderna? Scrivete ad amichedisalvataggio@mondadori.it , indicando i vostri libri, film, spettacoli preferiti. Condividere le passioni è il miglior modo per fare amicizia!

Care amiche di salvataggio, ognuno è libero di vivere l’amore come vuole e quando vuole. Un po’ meno, se è un personaggio politico, di imporlo in tutte le salse, e soprattutto in salsa tv, con la scusa di battersi per  cause importanti. Dopo aver ascoltato la senatrice del Pd Stefania Mezzopane dichiarare (l’ultima volta, alle Invasioni Barbariche di Daria Bignardi) di voler ingaggiare una battaglia per tutte le donne innamorate di un uomo assai più giovane (si spera di un soggetto più espressivo e dialettico dell’ex spogliarellista e tronista Simone Coccia), ho sentito un irrefrenabile desiderio di protestare, per difendere la fauna (in via di estinzione) delle signore dotate di buon gusto e di buon senso. Davvero vagare per gli studi tv, mano nella mano, con un ragazzotto senza né arte né parte, a piagnucolare sulle proprie vicende fraintese e vilipese,  ricevere proposte di matrimonio e raccattare Tapiri (seppur d’oro) è l’esempio di impegno civile e di emancipazione femminile di cui sentivamo il bisogno? Davvero le altre donne si sentono rappresentate da una over cinquanta che senza nessuna autoironia accetta i complimenti menzogneri (sei bellissima!) di presentatrici che come Barbara d’Urso cercano di mietere il raccolto più prezioso (gli ascolti)? Davvero abbiamo bisogno che la nostra intelligenza venga sbeffeggiata e turlupinata di continuo da questa deriva  svaccata e fasulla?  Inseguire i più ridicoli comportamenti maschili non è un passo avanti, anzi:  che un anziano brizzolato (nel 99% dei casi ricco, panciuto e potente) preferisca la compagnia di una procace Miss (meglio se con fascia di piazzamento autentico) a quella della consorte coetanea (che se l’è puppato nella buona e soprattutto nella cattiva sorte) è una deprimente realtà, non un’ardita conquista. E francamente, nessun elettore maschio, per quanto basico,  sentirebbe il bisogno di farsi rappresentare in una campagna pro vecchi babbioni in vena di smancerie romantiche d’accatto. Visto che ci piace tanto la par condicio, che cosa diremmo di un politico che usa i media (invece di andare a lavorare) per sbandierare il suo amore che sfida gli abissi generazionali? E perché non chiedere a questo punto a Flavio Briatore di spendersi per un partito dei multi milionari incompresi, affranti e furibondi perché nessuno vuole credere nell’autenticità del loro fascino bolso a prescindere?  Senza stare a rinvangare (e naturalmente a rimpiangere) esempi di eleganza e discrezione irraggiungibili come quelli di Nilde Iotti ed Enrico Berlinguer, sarebbe troppo chiedere un po’ di decoro ai nostri politici? Per esempio, pretendere dalla senatrice Stefania Mezzopane  un discorso articolato, se non proprio di ampio respiro, che preveda qualche frase meno banale dello scontato  “l’amore non ha età”. Per consolarci basterebbe anche un sano dubbio, magari quello che una panettiera della sua taglia e della sua età difficilmente attrarrebbe un simil Coccia. Gioverebbe alla sua immagine, ma soprattutto alle nostre orecchie offese da umanissime debolezze spacciate per eroici proclami di emancipazione.

Per fortuna, nel frattempo, mentre la senatrice continua la sua dura lotta per l’amore senza confini, è stato eletto il nostro Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il suo anagramma è “Matteo si rallegra”, ma si rallegra anche tutta l’Italia che vuole andare avanti, in armonia.

Buona settimana felice a tutte!

Commenti

  1. 2 febbraio 2015 / ore 10:13
    grazia2014

    Carissima Alessandra, come sempre leggo i tuoi articoli che trovo oltre che intelligenti, soprattutto anche tanto autoironici e simpaticissimi.
    Ti dirò che a me non dispiace, per una volta, che una donna non bella, un pò agè, (oddio….è più giovane di me che mi ritengo ancora, a torto o a ragione, sull’onda…), sia amata (non so è vero, ma presumo di sì, anche se il potere e i soldi confondono le cose, ma è così che va il mondo) da un ragazzo…..(oddio a 40anni sei uomo) belloccio e più giovane.
    Penso che lei non voglia tutta questa pubblicità…ma che le venga in un certo senso “imposta” (vedi anche tu, la furbizia…. delle varie giornaliste/i sempre pronti a cavalcar l’onda del pettegolezzo).
    Insomma, forse lei si limita a stare al gioco richiesto e magari le dà pure fastidio. Magari, per una volta…..è pure amore…..O no?
    Ciao Alessandra, rimani sempre così fresca e vitale e continua a farci sorridere con grazia, come fai sempre.

  2. 2 febbraio 2015 / ore 11:04
    Alessandra Appiano

    Cara Grazia, sei la solita amica di salvataggio. Grazie per le tue parole. Non concordo però sul fatto che la Mezzopane non voglia tutta questa pubblicità, perchè ti assicuro che nessuno ti obbliga ad andare dalla D’Urso, in una trasmissione spesso a rischio trash, se non sei tu più che felice di farlo (esponendoti ma soprattutto esibendoti). Auguro alla senatrice che sia amore vero, quello che prova per lei il suo giovane (e poco dialettico) fidanzato, ma l’amore, a mio avviso, è tanto più forte quando è intimo, privato, nutrito nel profondo dell’anima. Non sbandierato sotto le luci dei riflettori.
    Ti abbraccio e ti auguro una fantastica settimana Ale

  3. 2 febbraio 2015 / ore 14:55
    grazia2014

    Cara Alessandra, concordo sul fatto che la trasmissione della D’Urso, scada spesso e volentieri nel “trash” (ci sono anche stata come pubblico …..x curiosità). E che l’amore è meglio, molto meglio, che rimanga nell’intimo di chi lo prova.
    Anche a te auguro una bellissima settimana; ciao, Grazia

Comments are closed.