Gli opposti si attraggono, ma le similitudini ci uniscono

Ci sono dei miti sull’amore che si sentono ripetere in ogni salotto, tra i più famosi c’è la convinzione che in amore gli opposti si attraggono. Spesso i detti popolari hanno un qualche fondamento. In questo caso però il detto può essere vero fino ad un certo punto.
All’inizio di una relazione la diversità può essere un punto di forza. La novità attira la nostra attenzione. Così è anche per quanto riguarda il partner. Conoscere qualcuno che è diverso da noi in parte ci sfida, questo ci stimola e ci incuriosisce motivandoci alla scoperta. Dall’altra l’alone di mistero di qualcosa di nuovo e diverso può essere molto seducente.
Quando inizia una relazione dunque i due partner possono sentirsi attratti da una figura che in qualche modo si discosta da loro, un po’ come uno ying che incontri uno yang. A lungo andare però le differenze tendono ad allontanare più che a cementare l’unione. La coppia ha bisogno di un substrato comune su cui cementarsi. Se due persone sono troppo diverse e non riescono ad incontrarsi in un punto sarà molto difficile mantenere una relazione stabile per lungo tempo. Le somiglianze creano un collante per la coppia. Condividere interessi, ma soprattutto i valori e la visione di vita è di fondamentale importanza. Le coppie che riescono ad avere una visione comune saranno più in grado di sperimentare quel genere di amore e unione che gli permetterà di gestire le sfide di vita che si presenteranno. Questa caratteristica è molto importante per creare relazioni che durino nel tempo. Quando l’infatuazione eventualmente si calmerà, quello che rimarrà sarà il sentimento confortante della compagnia di una persona con cui condividere piacevolmente interessi comuni.

Foto di Sorcyress