A Salò per una passeggiata lungo lago

salò

Ma come facevo una volta a dire che i laghi sono tristi e noiosi? Tutte le volte che ci capito, da qualche anno a questa parte, trascorro dei bellissimi weekend. Questa volta si tratta di Salò, che gode di una posizione fantastica, con tanto di baia e spiaggette alla fine del lungolago. A differenza degli altri paesi affacciati sul Garda, ha una passeggiata in riva all’acqua che, per chi ama camminare come me, è una meraviglia.

IMG_2299

Si snoda su una passerella in legno e ferro e io l’ho percorsa al mattino dal centro fino alle spiaggette (3 km all’andata e 3 km al ritorno). Dall’albergo in 3 minuti ero in riva al lago. Ho dormito all’ Aromi Piccolo Hotel con 12 camere, gestito dalla famiglia Lucini (la signora, mamma della ragazza che si occupa in prima persona dell’hotel, è una forza della natura e la incontrerete a colazione). Io mi sono fermata qui esattamente l’8 marzo e in camera ho trovato una mimosa e un rossetto in omaggio: quante volte vi è capitata un’attenzione così femminile? Al mattino, a colazione, presenza di stranieri (dalla famiglia allo sportivo con tutina supertecnica e pronto a sfrecciare in bici), torte fatte in casa, atmosfera riposante.

PER MANGIARE Non ho dubbi e vi suggerisco l’Osteria di mezzo dove gustare, in una bellissima sala con le volte, baccalà, pesci di lago, paste fatte in casa. Ottima anche l’Antica trattorie alle rose. Il patron, che conosce il lago centimetro per centimetro ed esce a pescare con la sua barca, non a caso scrive sul sito:

I carpioni vivono nelle acque più profonde, se ne pesca un numero limitatissimo; le alborelle sono ormai pressochè introvabili. Serviamo solo pesce appena pescato, se viene pescato. E poi grande varietà delle altre cose di cui le rive del lago abbondano: spugnole, ovoli, finferli e altri funghi più o meno principeschi dal sottobosco; agnellini e capretti di Tremosine e della Valle Sabbia cucinati in padella o a far ripieno ai tortelli con le interiora; quaglie, galletti, conigli di cortile, vitelli da latte”.

Buon appetito da Pollicino!